Passa ai contenuti principali

Università del Salento e la Al Falah University (Emirati Arabi Uniti)

Joint cooperation agreement (protocollo d’intesa) tra il Dipartimento di Storia, Società e Studi sull’Uomo dell’Università del Salento e la Al Falah University (Emirati Arabi Uniti), con l’obiettivo sviluppare iniziative congiunte nel campo didattico e della ricerca, per lo scambio di esperienze e informazioni e per l’organizzazione di conferenze e workshop specialistici: lo hanno sottoscritto nei giorni scorsi a Dubai Noor Atatreh Sameer Al Barghouthi, rispettivamente Chancellor Vice President
for Academic Affairs della Al Falah University, e il professor Enrico Ciavolino per l’Ateneo salentino.

Dopo la firma dell’accordo, si è tenuto un workshop sul tema “Business Data Analysis: A Crossroad between Research and Education”, al quale hanno preso parte anche rappresentanti delle Università di Brescia e di Anglia Ruskin (UK). Il dottor Atatreh ha voluto nell’occasione sottolineare l’importanza della collaborazione con altre realtà accademiche internazionali per lo sviluppo dell’alta formazione negli Emirati Arabi Uniti.

La notizia sul sito dell’Università di Al Falah e un’ampia galleria fotografica all’indirizzohttps://www.afu.ac.ae/en/news/2016/joint-cooperation-agreement-between-al-falah-university-and-university-of-salento/


Lecce, 11 maggio 2016

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 21 Novembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa