Passa ai contenuti principali

Università del Salento e la Al Falah University (Emirati Arabi Uniti)

Joint cooperation agreement (protocollo d’intesa) tra il Dipartimento di Storia, Società e Studi sull’Uomo dell’Università del Salento e la Al Falah University (Emirati Arabi Uniti), con l’obiettivo sviluppare iniziative congiunte nel campo didattico e della ricerca, per lo scambio di esperienze e informazioni e per l’organizzazione di conferenze e workshop specialistici: lo hanno sottoscritto nei giorni scorsi a Dubai Noor Atatreh Sameer Al Barghouthi, rispettivamente Chancellor Vice President
for Academic Affairs della Al Falah University, e il professor Enrico Ciavolino per l’Ateneo salentino.

Dopo la firma dell’accordo, si è tenuto un workshop sul tema “Business Data Analysis: A Crossroad between Research and Education”, al quale hanno preso parte anche rappresentanti delle Università di Brescia e di Anglia Ruskin (UK). Il dottor Atatreh ha voluto nell’occasione sottolineare l’importanza della collaborazione con altre realtà accademiche internazionali per lo sviluppo dell’alta formazione negli Emirati Arabi Uniti.

La notizia sul sito dell’Università di Al Falah e un’ampia galleria fotografica all’indirizzohttps://www.afu.ac.ae/en/news/2016/joint-cooperation-agreement-between-al-falah-university-and-university-of-salento/


Lecce, 11 maggio 2016

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata