Passa ai contenuti principali

"Metropolitana di superficie e Aeroporto del Salento non finiscano su un binario morto"

"Legare l' elettrificazione delle rete ferroviaria da Martina Franca a Gagliano del Capo al rilancio necessario dell'aeroporto del Salento e dei suoi collegamenti assomiglia molto ad un artificio retorico. La questione è invece duplice e di altra natura: da una parte la Metropolitana di superficie del Salento va salvaguardata e resa efficiente, senza lasciare che venga stretta nella morsa della battaglia politica tra Matteo Renzi e Michele Emiliano, in merito ai fondi di sviluppo e alle misure finanziate dai Patti per il Masterplan. Dall'altra, se realmente si volesse investire sui collegamenti con l'aeroporto di Brindisi, si risparmierebbe ai cittadini la beffa dello "Shuttle" su gomma, contro il quale abbiamo raccolto centinaia di firme a dicembre e del quale torniamo a stigmatizzare la dispendiosa inutilità. In tempi non sospetti, infatti, abbiamo chiesto di investire in un collegamento diretto con l'aeroporto attraverso la rete ferroviaria, senza cambi, esattamente come succede a Bari. Il resto attiene alle forzature e ci auguriamo che l'impegno del governo, nazionale e locale, per il nostro territorio non si limiti a quelle. 

Federica De Benedetto, vice coordinatrice regionale FI Puglia

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 22 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata