Passa ai contenuti principali

ABBIAMO RISO PER UNA COSA SERIA’. AL VIA SMS SOLIDALE PER VILLAGGIO IN PUGLIA CONTRO SFRUTTAMENTO E CAPORALATO

Dal 9 al 18 maggio, inviando un SMS da cellulare o chiamando da rete fissa al 45594, si possono sostenere 38 interventi di agricoltura familiare nelle aree più povere del mondo, a sostegno di 114.248 famiglie di contadini e alla costruzione del ‘Villaggio solidale’ che sarà realizzato in Puglia da Coldiretti e Focsiv, per dare ospitalità agli immigrati sottraendoli allo sfruttamento del caporalato, garantendo loro un regolare contratto di lavoro per la raccolta stagionale di prodotti agricoli.


La campagna di Focsiv “Abbiamo RISO per una cosa SERIA” , con la collaborazione di Coldiretti e Campagna Amica,  è finalizzata a combattere le speculazioni sul cibo nel mondo che costringono alla povertà 800 milioni di piccoli agricoltori obbligati a migrare con effetti disastrosi per la comunità, per l’ambiente e la sicurezza alimentare.

Coldiretti e Campagna Amica sono partner della iniziativa che vedrà 4.000 volontari della Focsiv impegnati nella distribuzione il prossimo 14 e 15 maggio nelle piazze, parrocchie e Mercati di Campagna Amica di 106.000 kg di riso.

Un impegno concreto ed innovativo che può contribuire a creare un sensibilità più diffusa anche sulla sfida epocale sull’emergenza profughi affrontata dall’Italia e dall’Unione Europea che è stata invitata dal Papa ad un maggior impegno con la dignità di tutto l'essere umano.

Bari, 10 maggio 2016

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata