Passa ai contenuti principali

“Silenzi di porpora”

Domani, giovedì 23 luglio, alle ore 20,30, la Locanda Rivoli a Lecce (via Augusto Imperatore 13), ospiterà la presentazione del libro del maggiore del R.I.S. di Messina Carlo RomanoSilenzi di porpora”, edito da Falco Editore.
 All’incontro con l’autore, che sarà introdotto da Patrizia Cretì, docente dell’Università del Salento, interverranno Filomena D’Antini Solero, consigliera di parità ed ex assessore alle Pari opportunità della Provincia di Lecce, Maria Pia De Giovanni, crimoniloga, psicoterapeuta e psicologa forense, il colonnello Antonello Massaro, direttore Centro Tecnico Logistico Interforze e l’editore Michele Falco. A moderare l’incontro la giornalista Cecilia Leo.Ufficio Stampa Provincia di Lecce


Un thriller mozzafiato, una serie di delitti legati da un misterioso velo di porpora messi in scena con cruda efferatezza. “Silenzi di porpora” (Falco Editore) è un romanzo avvincente, scritto dal maggiore del R.I.S. di Messina Carlo Romano, all’esordio letterario. Il thriller racconta le indagini effettuate dal neocapitano del R.I.S. – Reparto Investigazioni Scientifiche – di Messina, Giovanni Raimondi, per stanare un serial killer definito il “mostro dei mosaici umani”. Raimondi viene messo alla prova di fronte a un macabro rebus: all’interno di musei delle più grandi città siciliane vengono ritrovati, ogni volta, due cadaveri (un uomo e una donna) fatti a pezzi e ricomposti in un terrificante mosaico. Inizia per Raimondi e i suoi abili collaboratori una corsa contro il tempo per fermare l'assassino (o l'assassina?), tra sopralluoghi, complesse analisi e ricerche, che condurranno l’ufficiale e la sua squadra a un’agghiacciante verità.


Lecce, 22 luglio 2015

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 20 Ottobre 2019

Video Integrale
Caricamento

Galatina,prove tecniche per Galatina in fiore 2019

Ebbene si Galatina si prepara alla manifestazione tanto attesa dai cittadini, chiamata Galatina in fiore 2019,le prove tecniche si vedono in citta'.